Se potessi sapere il futuro…..

Alcuni giorni fa un mio amico mi ha sottoposto, in quanto psicoterapeuta, un quesito interessante: se avessi in mano il libro della storia della tua vita, leggeresti la fine?               Una domanda davvero difficile! Io credo che noi esseri umani non siamo programmati per sapere in anticipo ciò che ne sarà di noi. Credo che potrebbe portarci alla follia.images E’ vero però che questa domanda mi conduce inevitabilmente a pormene una successiva. Se realmente potessi conoscere in anticipo ciò che mi sta per accadere, potrei fare qualcosa per cambiare il mio destino? Se si, allora andrebbe a cadere il concetto stesso di destino, in quanto non saremmo più sottoposti al fato ma potremmo decidere come modificare la nostra esistenza e il nostro futuro.

Tutte queste considerazioni stanno scivolando in ambiti che poco mi competono quali filosofia e spiritualità, quindi mi fermo qui. Se, però, anche a voi questa domanda ha stuzzicato le connessioni sinaptiche, vi invito a commentare e scrivere di seguito qual’è la vostra opinione.

  • maria cristina giorgeti

    Cara Maria,

    da ragazzina andavo da una chiromante “di fiducia “.

    Volevo sapere cosa sarebbe accaduto e, il gioco del re di denari ( uomo del cuore) del fante di coppe (l’altra) e del tre di spade ( chiusura definitiva) mi costringevano ad un continuo interrogarmi senza peraltro avere mai risposte soddisfacenti..

    Avrei dato tutto quello che avevo per conoscere il mio futuro ( affettivo ).

    Gli anni sono passati, ho imparato a convivere ed ad apprezzare le incertezze della vita che, come dici tu, spingono all’iscrizione a sempre nuovi concorsi ma quanta tenerezza per quella giovane donna che chiedeva senza mai accontentarsi davvero della risposta “ma mi amerà ?”

    Il futuro è un gioco, una scommessa e oggi capisco che per essere divertente non bisogna conoscerne l’esito ma solo….RISPETTARNE LE REGOLE!

  • Maria Giorsa

    Cara Maria Cristina, grazie per questo contributo che hai dato. Si legge con piacere della tua crescita da ragazzina che sogna a occhi aperti il suo principe azzurro, a donna con salde basi ma ancora fiduciosa del futuro.

  • Francesco Francioni

    Il Destino esiste, almeno credo, è un piano… Un disegno, se ci dovessimo opporre a lui, finiremmo come Ulisse, a naufragar in mille avventure, finché piegati nell’orgoglio faremo ritorno a noi stessi, quella che potremmo definire “casa”. Questo spunto mi ricorda quel film, di qualche anno fa :” Slinding Door”, alla fine anche se sapessi, e provassimo a cambiare percorse, arriveremo sempre allo stesso punto, se quello è il nostro Destino! Saluti